L'insula sacra sulla casa di Pietro

  • Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
  • Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
  • Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
  • Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
  • Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao

    testo

    questa immagine rappresenta tutta la planimetria dell edificio
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao
    Questa immagine fa parte della mappa di cafarnao


    Una particolare area di tutto il villaggio di Cafarnao è stata oggetto di molteplici interventi nel tempo. Si tratta dell’insula sacra definita così perché racchiude la stanza venerata dai primi seguaci di Gesù, i quali facevano memoria della presenza del Maestro e dei suoi insegnamenti nella casa di Simon Pietro. La stessa stanza venerata, divenuta poi meta di pellegrinaggio dei primi cristiani, fu ricostruita in forma di Domus Ecclesia e successivamente di
    Chiesa ottagonale.

    Nella casa di Simon Pietro, Gesù stabilisce la sua residenza, il “quartier generale” e centro di irradiazione del suo ministero in Galilea. In questa casa Gesù, vive, guarisce, insegna ed istruisce i discepoli (Mc 3,20; Mc 4,10-11; Mc 3,31-35).

    Le diverse trasformazioni hanno reso difficile la lettura delle fasi più antiche della casa. Gli scavi hanno messo in luce la rete di murature che formava gli ambienti principali della casa e la diversa successione dei piani pavimentali che ne indicano un lungo periodo di occupazione ininterrotta a partire dal periodo ellenistico.
    Anche sulla base degli scavi fatti nelle altre zone residenziali si è raggiunta una migliore comprensione dei resti trovati ed è stata avanzata una ipotesi ricostruttiva a partire dalle prime attestazioni di venerazione.

    Cafarnao: animazione storica 3d

    Ricostruzioni 3D - Archeologia virtuale:
    Luciano Pugliese e Antonio Leopardi
    sviluppate con al supervisione di p. Stanislao Loffreda OFM
    e p. Eugenio Alliata OFM per conto della Custodia di Terra Santa.