Il servo del centurione

Simpatico, e non solo a Gesù che lo elogia e lo esaudisce, questo tipo di ufficiale pagano simpatizzante del giudaismo: i notabili dei Giudei di Cafarnao, da lui pregati perché perorino la sua causa presso Gesù, attestano che egli ha edificato la loro sinagoga. Esemplari il suo affetto per il servo che sta per morire, la sua umiltà che lo fa credere indegno di ricevere in casa il Signore, e soprattutto la sua fede eroica che non pone limiti alla potenza di Gesù. E Gesù, che più di una volta denuncia con sdegno e con tristezza la mancanza o la pochezza di fede in chi lo circonda, non può fare a meno di esaltare la grandezza di fede di quel centurione pagano.
La fede nella signoria trascendente di Gesù, esaltato nella risurrezione e innalzato presso Dio, si proietta in questo come in tanti altri racconti lucani di miracoli.


M. Adinolfi – G. B. Buzzone, Viaggio del cuore in Terra Santa, Casale Monferrato 2000, pp. 54-55.


Il servo del centurione
Miracoli